FORENZA – BANZI

logo fb LogoBF---jpg 40fran

 

LA RETE CICLISTICA SULLE TRACCE DEI TEMPLARI TRA MISTERI E LUOGHI SACRI
Sulle vie dei Templari tra misteri e luoghi sacri è un progetto proposto dai Comuni di Forenza e Banzi, che coinvolge stakeholders del territorio (P.A., associazioni, aziende agrituristiche, caseifici, cantine vinicole, pastifici, allevamenti).
Sulle tracce dei templari tra misteri e ville rusticae consiste un itinerario rurale che si sviluppa nei territori dei comuni di Forenza e Banzi, a nord della Basilicata, e che regala ai visitatori la possibilità di compiere escursioni a contatto con la natura attraverso le vie battute dai Cavalieri Templari e, ancor prima, dalle popolazioni autoctone pre-cristiane legate al culto della Madre Terra nel quale le acque e le numerosi fonti di questa terra rappresentavano elementi di sacralità. Monti, sorgenti, vallate, città uniche ed incontaminate e beni storico-culturali godibili attraverso percorsi attrezzati per rendere agevole la fruizione (segnaletica di colori differenti a seconda delle indicazioni riportate, materiali informativi cartacei e su web, info point, punti di sosta attrezzati).
Lungo il percorso è, inoltre, possibile immergersi nei sapori e nei profumi del luogo attraverso i prodotti delle aziende agricole mentre le associazioni culturali, che si incontrano lungo il tracciato, accompagnano il turista nella conoscenza dei siti meno conosciuti.
Ulteriore servizio fornito dal portale riguarda la georeferenziazione delle aziende produttrici e delle associazioni oltre che quella dei siti di interesse storico-artistico e naturalistico-ambientale. È possibile, quindi, scaricare direttamente dal portale un’applicazione per smartphone e tablet sia android che iOS che consente anche di localizzare la propria posizione sul percorso.
L’obiettivo è di valorizzare e mettere in rete risorse materiali ed immateriali del territorio lucano; di creare un nuovo prodotto turistico che potenzi l’identità e l’immagine dei due comuni e della stessa regione; di attrarre flussi sia locali che extralocali.
Questa forma di turismo ambisce a diventare modello di più alta qualità della vita che rimanda a ritmi lenti e radici arcaiche alla ricerca della bellezza della contemplazione. Un turismo soft e slow caratterizzato appunto da un’idea di fruizione lenta e leggera -e mai superficiale- del territorio.
Visita il sito: http://forenza-banzi.sulletraccedeitemplari.it/